Facebook Pixel

Bonus condomini 2020 – fino a 1.200€ per l’ammodernamento delle montanti

Dal 1 gennaio 2020 parte il nuovo bonus per i condomini che decidono di rimodernare le montanti elettriche “vetuste”. Gli incentivi arrivano fino a 1.200 euro e sono validi esclusivamente per gli impianti elettrici che hanno almeno 30 anni.

Bonus montanti condomini

Programmare il rifacimento dell’impianto elettrico di un vecchio condominio richiede un investimento economico significativo da parte di tutti i condomini. E’ un intervento necessario per garantire la sicurezza e l’efficienza dell’impianto elettrico, ma molto spesso viene trascurato a causa delle numerose opere edili che spesso si rendono necessarie.


Sei della provincia di Belluno e il tuo condominio ha un impianto elettrico vecchio e che sarebbe da rifare e rendere a norma?

Contattaci per richiedere una consulenza ed un sopralluogo gratuito. Ti spiegheremo come accedere agli incentivi e quali lavori eseguire.

CONTATTACI SUBITO


Proprio per questa ragione, l’ARERA (Autorità per la Regolazione dell’Energia Reti e Ambiente) ha approvato una procedura sperimentale che si svilupperà nel triennio 2020-2022 per incentivare l’ammodernamento delle colonne montanti vetuste degli edifici.

Cosa sono le montanti elettriche?

In base alla normativa sugli impianti elettrici, la colonna montante è la linea di sviluppo prevalentemente verticale che fa parte di una rete di distribuzione di energia elettrica che attraversa alcune parti condominiali con lo scopo di raggiungere i vari punti di connessione.

Come funziona il bonus condomini 2020

Le agevolazioni hanno lo scopo di incentivare l’ammodernamento delle colonne montanti vetuste ed obsolete che molto spesso i distributori di energia hanno difficoltà ad ammodernare.

L’ammodernamento può avvenire anche contestualmente all’operazione di centralizzazione dei contatori. I benefici possono essere quindi di due diversi tipi.

Lavori senza la centralizzazione dei contatori

E’ il condominio che si occupa dei lavori edili per la preparazione dell’impianto oppure, in caso di accordo, può procedere direttamente l’ente distributore. Sarà quest’ultimo ad eseguire le nuove pose in opera delle linee elettriche.

Per questo tipo di intervento sono previsti i seguenti rimborsi massimi:

  • Edifici di basso pregio: 400€/piano o 700€/utente
  • Edifici di medio pregio: 500€/piano o 800€/utente
  • Edifici di alto pregio: 600€/piano o 900€/utente

I lavori devono consentire ad ogni condomino un contratto con l’ente distributore di almeno 6,6 kw.

Lavori con la centralizzazione dei contatori

Le opere edili ed elettriche eseguite a valle del nuovo contatore spettano al condominio e non al distributore. Per questa ragione viene previsto un rimborso maggiore a seconda del tipo di edificio:

  • Edifici di basso pregio: 700€/piano o 1.000€/utente
  • Edifici di medio pregio: 800€/piano o 1.100€/utente
  • Edifici di alto pregio: 900€/piano o 1.200€/utente

Chi può beneficiare delle agevolazioni?

Il bonus condomini 2020-2022 è rivolto a tutti quegli edifici con colonne montanti realizzate prima del 1970 o fino al 1985, purché il gestore elettrico individui delle criticità da rendere l’intervento necessario.

Come richiedere le agevolazioni?

Il primo step è quello di richiedere un intervento al proprio distributore che fornirà un’informativa preliminare. All’interno di questo primo contatto saranno specificati i costi i tempi e le modalità di ammodernamento delle colonne montanti vetuste.

Durante tutte le fasi di lavoro, il condominio deve conservare e tenere a disposizione del distributore tutti i costi e le spese sostenute, così da poter ottenere il rimborso.

Leggi il testo integrale

Lascia un commento