Facebook Pixel

Interruttore magnetotermico – che cos’è, a cosa serve e come funziona?

L’interruttore magnetotermico è un dispositivo elettrico utilizzato per proteggere l’impianto da possibili corto circuito e sovraccarichi.

interruttore-magnetotermico-fb

Si tratta cioè di un utilissimo dispositivo salvavita che interviene ogni volta che nell’impianto elettrico si verifica un malfunzionamento o un’anomalia. Protegge sia in maniera diretta, evitando quindi che prendiamo la scossa toccando ad esempio un elettrodomestico, che indiretta nel caso in cui un dispositivo elettronico non funzioni correttamente.

Che cos’è un interruttore magnetotermico

Il nome è dovuto al fatto che all’interno di questo dispositivo ci sono due componenti:

  • la parte magnetica: che protegge dal corto circuito;
  • la parte termica: che protegge dal sovraccarico;

interruttore-magnetotermico-differenziale

Ha sostituito con il passare del tempo i fusibili di una volta che, una volta che scattavano dovevano essere sostituiti. Quando scatta un interruttore magnetotermico, invece, basta premere un pulsante o azionare una leva per ripristinare il flusso di energia elettrica.

interruttore-magnetotermico-come-funziona

Protezione contro il sovraccarico

L’interruttore magnetotermico apre il circuito, isolando l’impianto, nel momento in cui si verifica un surriscaldamento. Quando ci sono dei dispositivi utilizzatori che sfruttano oltremodo il carico disponibile, le correnti producono un surriscaldamento che può causare dei danni ai terminali, ai collegamenti o agli isolanti.

La norma del Comitato Elettrico Italiano CEI 64-8/4 fissa i parametri che permettono di proteggere l’impianto contro i sovraccarichi e quindi il tipo di impostazioni che deve avere l’interruttore magnetotermico.

Protezione contro il corto circuito

Il cortocircuito si genera quando ci sono dei guasti o all’interno dell’impianto elettrico o in uno degli utilizzatori. Si tratta di un fenomeno estremamente pericoloso perché la corrente di corto circuito (Icc) può essere così elevata da danneggiare l’impianto oltre che causare un rischio diretto per la vita di chi vive in quegli spazi.

Nel momento in cui ha un corto circuito scatta immediatamente lo sganciatore magnetico. In parole povere si genera una forza magnetica che vince quella elastica di una molla, facendo aprire il circuito.

Dove si installa l’interruttore magnetotermico

Gli interruttori salvavita sono posti subito dopo del contatore, così che possano andare ad isolare eventualmente linee differenti dell’abitazione che partono dal quadro.

Nel contatore c’è un interruttore che scatta quando viene superata la potenza limite stabilita da contratto con il gestore. A valle viene posto il salvavita collegando fase e neutro con i rispettivi morsetti.

Si posizionano in genere con un incastro in serie su profilati metallici.

Quanto costa un interruttore magnetotermico

I prezzi di questi componenti sono molto accessibili: circa 20-30 euro e possono arrivare fino a 50 euro per quelli industriali più complessi.

Interruttore-magnetotermico-prezzo

Si trovano in qualsiasi negozio di elettronica o nei brico ben forniti nel reparto elettricità. Non è difficile trovarli in commercio, molto più complesso è invece il lavoro di installazione che richiede una mano esperta e qualificata.

Come scegliere l’interruttore magnetotermico

Esistono in commercio diversi interruttori magnetotermici con vari amperaggi, a seconda del tipo di utilizzatori necessari. Ci sono quelli da 6A, da 10A, da 20A, …

La scelta dell’interruttore magnetotermico va effettuata con cura e dipende dal tipo di impianto o di utenza che deve servire. Esistono alcune formule pratiche che consentono di stabilire di quanti ampere deve essere, ma sconsigliamo vivamente il fai da te.

Meglio rivolgersi ad un professionista certificato del settore per non correre inutili rischi.

Hai bisogno di rifare l’impianto elettrico o cerchi una consulenza per il tuo impianto?

CONTATTACI PER UN PREVENTIVO GRATUITO

Lascia un commento