Facebook Pixel

Macchinario per sanificazione – quale scegliere e come usarlo?

Qual è il miglior macchinario per sanificazione in commercio? Meglio l’ozono, il perossido di idrogeno o l’argento ionico? Ecco una guida per aiutarti a scegliere la migliore macchina per la sanificazione della tua attività.

E’ innegabile che l’emergenza sanitaria da Covid-19 abbia modificato le nostre abitudini. Sono emerse nuove necessità: mascherine, guanti, DPI, rilevatori di temperatura e nuovi protocolli di igienizzazione. Si parla sempre di più di sanificazione per tutte le attività commerciali o che in generale prevedano la presenza di clienti o fornitori.

Approfondimenti: che significare sanificare un ambiente?

E’ obbligatorio avere un macchinario per la sanificazione?

NO – la normativa non ha mai parlato di dispositivi per sanificare, né lo farà mai. L’indicazione è di carattere prettamente generale e impone una sanificazione per la quasi totalità delle attività commerciali. Non importa come questa sia portata avanti, l’importante è che sia eseguita.

Dispositivi per la sanificazione

Allora perché comprare un macchinario per sanificare?

Perché la sanificazione manuale, fatta cioè con soluzioni a base alcolica o di cloro richiede del tempo. Chi gestisce una sua attività lavorativa, che sia un ufficio, un bar, un negozio o un ristorante, non ha il tempo materiale per poter effettuare questo tipo di operazioni.

Potrei chiamare un’azienda che fa sanificazioni!

Certo. E’ sicuramente la mossa più semplice e che ti toglie ogni peso e responsabilità. Il problema è che un’operazione di pulizia così approfondita ha un costo: generalmente dai 2 ai 3 € a metro quadro. Questo vuol dire che un ambiente di 100 mq, per essere sanificato richiede una spesa di 200-300 €.

Macchinario per sanificazione professionale

Inoltre la sanificazione operata dalle normali imprese di pulizia è “una tantum”, cioè ha una durata molto limitata nel tempo, per cui non va a coprire le attuali necessità normative (cioè sanificare ogni volta che un cliente utilizza una zona del proprio locale).

Non scegliere un macchinario per sanificazione qualsiasi

Su internet, da quando è esplosa l’emergenza sanitaria Corona Virus, si trovano tantissimi dispositivi e macchinari per sanificare: dagli zaini ad ozono ai nebulizzatori fino a quelli più piccoli che agiscono in continuazione.

Ecco alcuni piccoli punti da tener presente prima di scegliere un macchinario per la sanificazione ad ozono o con qualsiasi altro tipo di sanificante

Sanificanti, biocidi e PMC

Nel documento “Raccomandazioni ad interim sui disinfettanti nell’attuale emergenza sanitaria Covid-19: presidi medico chirurgici e biocidi“, le direttive dell’ISS fanno la differenza tra prodotti sanificanti di tipo:

  • PT1 per l’igiene umana – che possono anche essere applicati sulla pelle o sul cuoio capelluto (es. acido lattico)
  • PT2 per le superfici – non destinati all’applicazione diretta su uomo o animali. (es. perossido di idrogeno)

Da notare che nella lista dei biocidi e dei PMC (presidi medico chirurgici) non è presente l’ozono.

La sanificazione richiede tempo

Non esistono sanificanti che agiscono in presa diretta. Qualsiasi agente chimico detergente ha bisogno di tempo per poter agire ed abbattere il 98% della carica patogena presente. Servono generalmente dalle 3 alle 12 ore. Diffida quindi dai macchinari che propongono una sanificazione completa in 1 ora.

All’interno del locale non deve esserci nessuno

Per quanto il sanificante possa essere garantito e atossico e rientrare anche nella categoria PT1, il nostro consiglio è quello di lasciare il locale libero durante l’operazione di sanificazione. Si tratta pur sempre di agenti chimici che vanno ad effettuare un’operazione battericida e virucida ed è preferibile che non siano respirati.

Non sprecare soldi!

Macchinari per sanificazione inutili

Un macchinario per sanificazione non può costare 200 euro. In linea di massima più sono economici e meno sono efficaci ed efficienti. Si trovano in commercio gli zaini che si indossano (per chi vuole sanificare e sentirsi un Gostbuster!) o quei piccoli nebulizzatori che erogano una certa quantità di sanificante ogni tot minuti, mantenendo sempre l’ambiente sterile.

Se stai pensando di acquistare uno di questi dispositivi, lascia perdere e non sprecare soldi. Piuttosto meglio procedere con la sanificazione manuale.

Macchine per sanificazione a vapore

Si trovano in commercio diverse soluzioni: dai vaporizzatori ai nebulizzatori fino ai nebbiogeni. Qual è la differenza? La dimensione delle particelle sanificanti.

  • Un vaporizzatore o un nebulizzatore emana delle particelle piuttosto grossolane che potrebbero trovare difficoltà a raggiungere tutti gli spazi – anche quelli nascosti – di un ambiente.
  • Un nebbiogeno invece emette una nebbia così fitta e con particelle così piccole da garantire una copertura totale per qualsiasi tipo di oggetto presente nell’ambiente.

Ozono, Perossido o Argento Ionico?

L’Ufficio Ricerca di Monico Impianti srl ha vagliato tutte le varie possibilità che esistono sul mercato, optando alla fine per l’argento ionico. Si tratta di una tecnologia forse un po’ più costosa ma è l’unica che garantisce degli standard di sicurezza sia per gli esseri umani che per gli oggetti.

L’ozono infatti rischia di essere tossico per l’uomo (amplificando i problemi di asma, allergie e difficoltà respiratorie varie) e rappresenta un serio pericolo per i dispositivi elettronici (stampanti, computer, centraline elettriche delle automobili).

Proprio per questa ragione abbiamo scelto un solo macchinario per la sanificazione dei nostri uffici ed è lo stesso che proponiamo ai nostri clienti. E’ il sanificatore professionale ambientale Silver Barrier, un brevetto totalmente italiano che utilizza un sanificante a base di:

  • cloruro di didecil dimetilammonio: un disinfettante molto potente contro virus e batteri, suggerito direttamente dalle disposizioni dell’Istituto Superiore di Sanità.
  • argento ionico: un disinfettante naturale ad ampio spettro utilizzato anche per sterilizzare il ciuccio dei bambini. La sua azione protettiva dura 1 settimana!
Che significa sanificare

Abbiamo creato una pagina interamente dedicato alle caratteristiche tecniche di questo dispositivo, con video test, tutorial e spiegazioni dettagliate sul suo funzionamento.

SCOPRI SILVER BARRIER

Lascia un commento